La carenza di ferro in età pediatrica è più comune di quanto si pensi, ed è riconoscibile grazie ad alcuni sintomi ben precisi. Vediamo quali sono nello specifico e soprattutto cerchiamo di capire in che modo è bene agire in una situazione di questo tipo.

Cause e i sintomi della carenza di ferro

Il ferro è uno dei minerali che sono indispensabili per il nostro organismo, essendo il principale minerale presente nel sangue; questo elemento diventa quindi fondamentale per la nostra salute, perché è il responsabile del trasporto dell’ossigeno e anche del suo assorbimento da parte dei nostri tessuti e organi. Alla luce di tutto questo, quindi, è importantissimo che i bambini abbiano un giusto apporto di ferro, in quanto solo così potranno avere un corretto sviluppo fisico e neurologico.

child 1713177 640 - Carenza di ferro nei bambini: cause, sintomi e rimedi

Passando ai sintomi, i bambini che hanno una carenza di ferro avvertono di solito un senso di spossatezza generale (arrivando persino a svenire, in alcuni casi), non hanno molto appetito e sono maggiormente vulnerabili alle infezioni batteriche (presentando spesso delle piccole fessure agli angoli della bocca, ad esempio). Oltre a questi sintomi fisici, presentano anche dei cambiamenti dal punto di vista comportamentale: innanzitutto si dimostrano molto più nervosi e irritabili del solito, e poi hanno una minore capacità di attenzione e concentrazione, che porterà a un minore rendimento anche a scuola.

Quali i Rimedi utili in caso di carenza di ferro

Va precisato che, prima di prendere qualunque iniziativa, nel caso in cui si sospetti una carenza di ferro è sempre bene chiedere un consulto al pediatra, che saprà consigliare al meglio le soluzioni più indicate per il bambino. Le strade sono principalmente due:

  • uso di integratori pensati appositamente per i più piccoli, reperibili anche in una farmacia online come shop-farmacia.it
  • la correzione di alcune abitudine alimentari sbagliate.

L’alimentazione del bambino dovrà quindi essere bilanciata, prevedendo le giuste quantità di carne, pesce, uova e legumi. Attenzione anche ai cereali: questi ultimi, infatti, se presenti in quantità che eccedono il normale fabbisogno giornaliero, andranno a ostacolare proprio l’assorbimento del ferro, con tutte le conseguenze del caso.

Naturalmente non bisognerà fare l’errore opposto, ossia dare troppo ferro al bambino: l’eccessiva quantità di questo minerale potrebbe infatti causare problemi anche gravi al fegato e al cuore. Bisogna quindi prestare estrema attenzione sia in caso di carenza sia in caso di eccesso, in quanto il nostro organismo è molto sensibile ad ogni variazione e per un corretto funzionamento dovrà avere un apporto equilibrato di ogni elemento.

 
Previous articleI più bei film di Natale per l’intera famiglia
Next articleOrto idroponico: la soluzione ideale per coltivare in casa!
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.