Quando il bambino sta mettendo i denti da latte si attribuisce il comparire della febbre a questo episodio, in realtà uno studio condotto da Michele Bolan nell’Universidade Federal de Santa Catarina (Brasile) e pubblicato  dalla rivista “Pediatrics” pare abbia  sfatato questo mito.

I ricercatori hanno portato avanti un riesame di studi condotti a livello internazionale sull’argomento ed è emerso che l’arrivo dei denti da latte causa infiammazione delle gengive e aumenta la salivazione.

Questi  fattori  possono innervosire e irritare i bambini ma non è  stata segnalata l’insorgenza di febbre con temperature sopra i 38 gradi.

 Un innalzamento della temperatura c’è ma non da considerarsi vera e propria febbre da dentizione.

Il rischio di sottovalutare la “vera febbre”

Mettendo a confronto una serie di studi condotti su malesseri e problemi legati alla dentizione del bambino,i ricercatori hanno potuto affermare che la febbre oltre i 38° non ha relazione con la dentizione.

Una febbre alta quindi se sottovaluta dando la colpa alla dentizione potrebbe essere in realtà sintomo di un problema che non andrebbe sottovalutato.

E’ doveroso ricordare anche che  un vecchio studio americano associò l’eruzione di più denti contemporaneamente con la comparsa di febbre e altri piccoli disturbi dovuti probabilmente allo stress e una diminuzione delle difese immunitarie contro le infezioni.

L’ Organizzazione mondiale della sanità definisce febbre una temperatura oltre i 37.5°.

Sintomi generici della dentizione

I sintomi della dentizione sono
  • gengive arrossate e gonfie
  • irritabilità
  • stitichezza o diarrea
  • inappetenza
  • salivazione abbondante
  • lieve innalzamento della temperatura che non supera i 37.5°

Non tutti i neonati presentano i sintomi associati alla comparsa dei dentini ma si può alleviare il fastidio con dei giochini gommosi  da mettere in frigo o freezer che gli diano sollievo sfregandoli sulle gengive stesse o anche dei gel per la dentizione.

dentizione e febbre

In molti utilizzano anche la collanina d’ambra che sembra avere effetti positivi contro il dolore alle gengive nel bambino e riduca la salivazione. Noi l’abbiamo utilizzata e l’abbondante salivazione di cui molte mamme mi parlavano, il mio piccolo non l’ha presentata. In merito al dolore non saprei dire i bambini così piccoli non parlano per poterlo dire, ma il fatto che non abbia quasi mai pianto e mi sono trovata nuovi dentini in pochi giorni mi fa pensare che il suo lavoro di sollievo dal dolore lo abbia fatto.

E voi l’avete usata o la state usando? Avete voglia di condividere la vostra esperienza con me?

 

 

 
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.