Come aiutare un bimbo ad addormentarsi nel proprio lettinoMolte famiglie nel corso della storia hanno scelto “un letto di famiglia”. In effetti, nella maggior parte delle culture di tutto il mondo di oggi, un “letto di famiglia” è di norma.

Ma la cosa spesso risulta un problema, perché il letto matrimoniale spesso è molto stretto, quindi la cosa migliore è quella di insegnare ai bambini ad addormentarsi nel proprio lettino.

Ecco alcuni consigli su come aiutare i piccoli a trascorrere la notte nel loro lettino. La prima cosa da sapere è che non bisogna dire ai vostri figli di dormire nel proprio letto e, poi cedere appena sentite qualche pianto in più. Questo insegna che la loro persistenza sarà premiato con un viaggio nel vostro letto. L’approccio migliore è quello di scoprire la causa o le cause del loro comportamento, anche se il bambino non sarà in grado di articolare quello che sente, e quindi non si potranno ottenere dal lui tutte le informazioni importanti.

Come aiutare un bimbo ad addormentarsi nel proprio lettinoUn ottimo modo per scoprire ciò che il bambino sente è quello di giocare con lui, usando bambole o peluche che rappresentano i membri della famiglia in modo che quando sarà il momento di coricarsi, vostro figlio si sentirà al sicuro trovandosi un peluche “simile” a un familiare. Le paure più comuni tra i bambini sono: la paura del buio della notte, di essere lasciati soli, dei mostri nascosti nell’armadio.

Per aiutarlo a superare queste piccole paure, non bisognare fare altro che mettere in pratica dei piccoli accorgimenti, come:

  • Dargli una torcia elettrica con cui giocare (soprattutto durante il giorno in una stanza buia) per aiutare a superare la paura del buio
  • Come aiutare un bimbo ad addormentarsi nel proprio lettinoDargli uno spruzzatore riempito di “spruzzo mostro” (dell’acqua) in modo che possa sparare ai mostri che escono dall’armadio
  • Registrare un nastro con le storie o canzoni preferite, che verrà acceso nel caso in cui il bimbo si sentirà solo (è meglio se la registrazione verrà effettuata con la voce di un genitore)
  • Dargli un peluche di pezza, grande quanto lui, in modo da farlo addormentare al suo fianco.

Bisogna avere molta pazienza, prima che  il vostro bambino riuscirà a essere autonomo ed addormentarsi nel proprio lettino, senza alcuna paura.

 
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.