Amico immaginario, come affrontare la questioneAmico immaginario, chi non ne ha avuto uno. Già verso i tre o quattro ani potrebbe capitarvi che vostro figlio vi presenta un amico…che non esiste.

Cosa fare? Come comportarsi? E’ un fatto preoccupante?

Amico immaginario, colui che ascolta

Qual è la peculiarità dell’amico invisibile? E’ sempre presente e ascolta pazientemente tutto.

Molto spesso sottovalutiamo la vita dei bambini, anche loro hanno i loro problemi e piccole cose di cui hanno bisogno di parlare ma che agli occhi degli adulti non sono importanti.

L’amico invisibile fa sentire il bambino al centro dell’attenzione, risponde in modo adeguato, fa le domande giuste.

Ma il bambino è consapevole che l’amico non esiste? Sì, conosce bene il confine tra fantasia e realtà senza però farsi troppe domande o troppi dubbi sul perché della creazione di un essere immaginario.

Amico immaginario: la sua funzione

In definitiva la funzione è quella di aiutare il bambino a strutturare la sua realtà interna, i suoi pensieri, le sue fantasie con la successiva appropriazione della realtà esterna.

Non solo, aiuta anche a favorire la socializzazione ed a stabilire la propria posizione nei rapporti emotivi con sé stessi e relazionali con gli altri. In sostanza ha la funzione di migliorare la percezione che il bambino ha degli altri.

Molto spesso questo amico incarna le capacità che il bambino vorrebbe avere e non ha invece le sue paure, oppure inversamente soffre delle paure del bambino o di alcuni suoi stati che vengono proiettati e per cui va protetto o difeso.

Amico immaginario: come comportarsi

E’ molto importante che il bambino si ritagli uno spazio emotivo e non porgli troppe domande.

Cosa bisogna fare? Accettare ciò che il bambino ci propone e recitare il ruolo che lui si aspetta, senza proporre nulla.

Non c’è ovviamente da preoccuparsi, si tratta di un gioco funzionale alla crescita. Non umiliate il bambino cercando di fargli ammettere che l’amico non esiste.

 
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

6 COMMENTS

  1. Mia figlia all’età di due anni e mezzo -tre anni “giocava” con la sua amica immaginaria Marcella all’inizio mi sono spaventata senza farlo pesare alla bambina, il problema si è risolto non appena ha iniziato a frequentare la scuola materna! Complimenti per l’articolo molto interessante.

  2. Con mia figlia per fortuna non è capitato ma conosco diverse mamme che hanno questo problemino con i loro figli. Faccio passaparola del tuo articolo.

  3. peccato non ricordarsi il periodo di quando avevo un amico immaginario, mia mamma me lo racconta spesso… 🙂

  4. Credo che ogni bimbo abbia in un particolare periodo della sua vita un amico immaginario ; i vari casi penso debbano essere valutati singolarmente , perchè ogni caso presenta diverse carratteristiche. Un saluto, Daniela.

  5. Anche io ho avuto un amico immaginario, dopo aver letto il tuo articolo capisco il perchè fosse così importante per me

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.