Crisi di epilessia, si prevengono con l’effetto Mozart

0
15
Crisi di epilessia

Crisi di epilessiaCrisi di epilessia: esiste un modo per prevenirle? Purtroppo no ma la scienza fa sempre progressi ed oggi vi parliamo dell’effetto Mozart. Tutti conosciamo il grande compositore Wolfgang Amadeus Mozart ma cosa ha a che fare con l’epilessia?

Crisi di epilessia: lo studio sull’effetto Mozart

Tutti conosciamo l’epilessia e la sua imprevedibilità. È forse una delle malattie più diffuse nel mondo e ne soffrono circa 65 milioni di persone.

Immaginate di poter prendere una pillola di musica: qualche nota della sonata K 448 di Mozart ogni giorno. Cosa potrebbe succedere? Ebbene la frequenza delle crisi epilettiche in pazienti resistenti ai farmaci si riduce del 21%.

Lo studio sull’effetto Mozart è stato condotto dall’Unità di ricerca dell’Istituto Serafico di Assisi, coordinata dal direttore sanitario Sandro Elisei, presentato alla International Conference on Mental Health 2017 a Cambridge.

Secondo i risultati dello studio dell’istituto Serafico (un centro specializzato nella riabilitazione, cura ed educazione di bambini e ragazzi con gravi disabilità fisiche e cognitivo comportamentale) l’ascolto della Sonata K 448 di Mozart avrebbe degli effetti positivi nei pazienti affetti da epilessia resistente ai farmaci e che va ad aggiungersi ad una grave disabilità intellettiva.

Crisi di epilessia: i risultati dell’effetto Mozart

Crisi di epilessiaOltre al risultato che è stato evidenziato, c’è da dire anche che ascoltare la sonata di Mozart ridurrebbe il rischio di ricaduta: in 1 paziente su 2, la musica di Mozart porterebbe a una riduzione di circa il 21% delle crisi epilettiche e nel 10% dei casi addirittura alla scomparsa, vi sarebbe anche un miglioramento delle abilità comunicative, verbali, motorie, emotive e sociali.

Purtroppo non in tutti i casi i risultati sono duraturi anzi in molti l’effetto è solo temporaneo. Per per avere effetti positivi a lunga durata secondo i ricercatori sarebbe necessario ascoltare la sonata a vita.

Secondo quanto riferito dal dottor Elisei “Questo studio è un importante contributo a sostegno dell’indicazione di far ascoltare la musica come terapia aggiuntiva nella gestione clinica dell’epilessia in soggetti con una disabilità profonda, soprattutto quando i trattamenti farmacologici standard non si dimostrano particolarmente efficaci”.

C’è dunque la speranza che la musica riesca in qualche modo a tamponare il problema.

 
Previous articleEducazione alimentare, l’esempio in famiglia
Next articleAmico immaginario, come affrontare la questione
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.