La dieta dei bambini: sotto i 3 anni carenza di fibre

0
1
La dieta dei bambini: sotto i 3 anni carenza di fibre

La dieta dei bambini: sotto i 3 anni carenza di fibreLa dieta dei bambini: sotto i 3 anni si parla di carenza di fibre. E’ stato rilevato che già gli infanti di 12 mesi non assumono abbastanza fibre, quindi viene loro somministrata una dieta scorretta. Uno su 7 intorno ai 3 anni decisamente ha una forte carenza di fibre.

La dieta dei bambini: lo studio sulle fibre mancanti

Nutrintake, coordinato dalla Clinica Pediatrica dell’Ospedale Buzzi/Sacco ha condotto uno studio in merito.

Tale studio, realizzato su circa 400 bambini tra 6 e 36 mesi di vita, rivela che quasi il 50% del campione di età superiore a 12 mesi non assume abbastanza fibre, percentuale che sale al 58% a 2 anni e al 67% a 3 anni.

Quindi carenza di cereali integrali, legumi, frutta e verdura è vero che le fibre non vengono assimilate ma prevengono stipsi ed obesità.

Gianvincenzo Zuccotti, direttore della Clinica Pediatrica del Buzzi spiega che purtroppo è una condizione diffusa e scorretta per la crescita dei bambini e dal punto di vista salutistico.

La dieta dei bambini: le regole

Sempre il dottor Gianvincenzo Zuccotti suggerisce gli accorgimenti per migliorare il problema:

  1. sotto i 12 mesi evitare alimenti ricchi di fibre, perché contrastano l’assimilazione del ferro

  2. dopo i 12 mesi, si studierà una dieta che comprenda almeno 5 porzioni al giorno di frutta e verdura. Va bene anche offrire alimenti integrati, come il latte di crescita con fibre, se non è più possibile allattare al seno

  3. Cominciare con le verdure che hanno un sapore più delicato ( come carote, zucchine) per poi inserire le altre.

  4. Preparare gli alimenti in maniera differente o miscelandoli con le pietanze più gradite, coinvolgere i bambini e giocare con loro e le verdure.

  5. Mangiare a propria volta frutta e verdura perchè ogni proprio comportamento è un esempio per il bambino.

Consultare il pediatra per maggiori chiarimenti circa la dieta che il bambino deve intraprendere. Ricordatevi sempre che il cibo non è un mezzo di ricatto nè una punizione, non dite frasi come “se non mangi la verdura non avrai questo o quello” è diseducativo.

 
Previous articleAllattamento: solo il 40% dei neonati viene allattato al seno
Next articleLatte vaccino: nuove direttive
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here