In attesa dell’entrata in vigore definitiva prevista per il 19 novembre 2019, il disegno di legge 117 del 2018, prevede che sia installato un dispositivo elettronico nei seggiolini per bambini sotto i 4 anni, denominato “anti abbandono”.

Si aggiunge e modifica la Legge 172 del codice della strada:

“Comma 1bis: obbligatorio utilizzare un dispositivo di allarme quando si trasporta in auto un bambino di età inferiore ai 4 anni, definito anti abbandono. Il dispositivo deve inoltre avere determinate specifiche tecnico-costruttive stabilite sia dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti che dalla Commissione europea.

Comma 2: le caratteristiche di cui alla modifica del comma 1bis saranno rese note e definite da un decreto del Ministero delle infrastrutture e trasporti ed emanato entro i 60 giorni dalla data in vigore della presente legge.

Comma 3: ciò disposto dai precedenti commi dovrà essere applicato decorsi i 120 giorni dall’entrata in vigore del decreto e comunque a decorrere del 1 luglio 2019″

Da un ultimo aggiornamento sembra che l’ufficio TRIS dell’Unione Europea abbia concluso l’analisi del testo di Legge 117/2018 e abbia consegnato una sua relazione e parere che al momento non è di pubblica divulgazione.

dispositivo anti abbandono
dispositivo anti abbandono

Ciò che caratterizza il testo di legge e quindi il consumatore finale è relativo all’obbligo del dispositivo di inviare un sms in caso di allarme. Ci sono pareri discordanti e perplessità pare sull’efficacia e l’efficacia dell’uso dell’SMS nel sistema.

Sarà decisione del Consiglio di Stato decidere se adottare la nota dell’Unione Europea ed accogliere le perplessità e quindi mettendo fuori mercato i dispositivi che si baseranno esclusivamente sull’uso degli SMS. Potrà essere necessario arrivare fino a fine settembre per avere una chiarezza in merito e quindi la possibilità di leggere la divulgazione del testo finale.

Ma intanto, sono molte le case produttrici che hanno iniziato la produzione si sistemi e dispositivi da inserire nel seggiolino. Sono diverse le soluzioni esistenti e ci saranno sicuramente le produzioni di seggiolini con il dispositivo d’allarme incorporato.

Dispositivo antiabbandono perché è stato deciso

L’obbligo è stato deciso quando tragedie, specialmente estive, si sono succedute nel corso di un lasso di tempo breve. Diventa in questo modo un obbligo salvavita di molti bambini ed infanti che, hanno perso la vita tragicamente in auto.

I bambini possono entrare in ipertermia in soli 20 minuti e morire sotto il sole in due ore. Sono stati inoltre stanziati più di un milione di euro per l’anno 2019 e un altro milione per l’anno 2020 per incentivare l’acquisto dei dispositivi, anche se ancora non è possibile accedere a tali incentivi in assenza di disposizioni dei Ministeri e dell’intesa tra Economia e Trasporto.

In commercio ve ne sono diversi e di varie fasce di prezzo non vi resta che scegliere quello che più si adatta al vostro modello di auto e seggiolino per bambino in questo www.dispositivoantiabbandono.it vi può essere di aiuto. Ricordate la vita di vostro figlio non ha prezzo.

 
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.