Il fiocco di nascita è un must utilizzato dai neo genitori per comunicare l’arrivo del nascituro, messo fuori dalla stanza dell’ospedale e/o anche sulla porta di casa col nome del bambino e di solito di colore azzurro per maschietto e rosa per femminuccia.

Se ne vedo di ogni tipo da quelli già confezionati a quelli realizzati con le proprie mani dalle mamme magari ricamati a punto croce (come ho fatto io per l’arrivo del mio piccolo).

Conoscete le origini del fiocco nascita a la sua tradizione anche in altre parti del mondo? Ecco quale breve accenno.

Origini e tradizioni del fiocco nascita

La tradizione tanto amata oggi in Occidente del fiocco nascita ha origini Orientali e non aveva lo stesso utilizzo e significato di oggi.

Il fiocco di nascita era considerato come un amuleto, che aveva il compito di proteggere il neonato dalle forze oscure. Tale protezione valeva in particolar modo per i maschietti, considerati più importanti delle femminucce. Perciò da come si può comprendere, questo simbolo una volta aveva origini prettamente esoteriche.

Fiocco Nascita Blu
Fiocco Nascita Blu

Perchè blu e rosa? Il rosa molto semplicemente perchè colore femminile per eccellenza, il blu invece a richiamo di quello del cielo e per difesa divina contro le forze del male.

Di particolare importanza anche la forma di questo simbolo-amuleto: il fiocco. Esso simboleggia infatti l’unione, in questo caso quella tra un uomo e una donna, che ha come risultato finale la nascita di un nuovo individuo, amato e desiderato.

Il fiocco è stato infatti omaggiato in diverse culture, in particolar modo “il nodo” stesso che rappresentava la dea Iside, simbolo di amore divino ed eternità o il nodo di Salomone, che identificava l’unione tra la sacralità e l’umanità.

Il fiocco di nascita oggi

Come accennato precedentemente, oggigiorno il fiocco nascita ha lo scopo di comunicare l’entusiasmo per la nuova nascita, ma anche il nome del neonato. Inoltre, nel corso degli anni si è assistito anche a un cambiamento nella forma del fiocco di nascita. Se negli anni addietro era sempre e solo un vero e proprio fiocco, oggi se ne possono trovare a forma di stella, cuore, cicogna, carrozzina, arcobaleno e molti altri ancora.

Inoltre, questa abitudine di esporre un fiocco di nascita non è una tradizione solo italiana. La ritroviamo infatti anche in Inghilterra, dove vige l’usanza del “welcome baby”, attraverso la quale, esponendo alla porta di casa una coccarda di nascita colorata, si annuncia a tutta la comunità l’arrivo di un nuovo membro nella società.

Sulla base delle sue origini è dunque giusto avervi cambiato forma? Non saprei dirlo neanche io ma se è nato come talismano di protezione e a forma di fiocco forse dovremmo semplicemente lasciarlo ancora come una volta.

 
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.