Gravidanza e sviluppo: il gusto dei neonati si sviluppa nella pancia

0
2
Gravidanza e sviluppo

Gravidanza e sviluppoGravidanza e sviluppo: il gusto dei neonati si sviluppa nella pancia, uno dei cinque sensi importantissimo a quanto pare cresce insieme al feto.

Se fino ad ora abbiamo creduto che il gusto fosse un senso che si sviluppava ed affinava dopo la nascita ci siamo sbagliati.

Gravidanza e sviluppo: il gusto dei neonati si sviluppa nella pancia

Secondo le affermazioni del dottor Marcello Giovannini, Professore Emerito di Pediatria dell’Universita’ di Milano, è importantissima la dieta della madre, perché ciò che mangia viene trasferito al feto e ne crea e sensibilizza il gusto. Attorno all’ottava settimana di gravidanza il feto sviluppa già le papille gustative, il piccolo deglutisce il liquido amniotico e ne percepisce il sapore.

Come si è riusciti a scoprirlo? Attraverso le ecografie si sono osservate le espressioni del neonato a seconda del gusto del liquido amniotico che variava in base a ciò che mangiava la madre, ad esempio un dolce o un cibo amaro. Si è ancora osservato che a partire dalla 32° settimana di gravidanza, il feto regola l’intervallo di deglutizione incrementandola o riducendola in base al sapore dolce o amaro del liquido Gravidanza e sviluppoamniotico, così è stato dimostrato che già nel pancione il bimbo sviluppa il gusto e le sue preferenze.

Ecco perché è bene che la madre assuma cibi vari ma non dai sapori forti né ricchi di grassi o troppo energetici e che non ecceda con lo zucchero.

Gravidanza e sviluppo: l’alimentazione del neonato

Successivamente il bambino, quando nasce, va allattato al seno ed anche qui si deve prestare attenzione a ciò che mangia la madre e che interviene sul gusto del latte. A seguire l’alimentazione deve essere graduale e seguita dal pediatra, le nuove mode vi crudismo, veganesimo e via dicendo è meglio lasciarle da parte.

L’alimentazione deve essere sana ed equilibrata in modo da garantire una corretta crescita del bambino.

 
Previous articleSucchi di frutta vietati ai bambini piccoli
Next articleCome insegnare l’igiene orale ai bambini
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here