Come riconoscere l’asma nei bambini

0
15
Come riconoscere l’asma nei bambini

Come riconoscere l’asma nei bambini Come riconoscere l’asma nei bambini: l’asma è un’affezione bronchiale seria, talvolta non se ne riconosco i sintomi ma è una patologia da conoscere per poterla individuare prontamente.

E’ stato stimato che il 30% dei bambini che ha l’asma non ne conosce i sintomi, le indagini condotte nelle scuole hanno evidenziato come molti ragazzi e bambini presentino i sintomi senza tuttavia conoscere il problema.

E i genitori?

Come riconoscere l’asma nei bambini: la prevenzione

Si sta pensando di avviare nelle scuole dei corsi per conoscere ed approfondire questo disturbo. Il progetto mira alla sensibilizzazione di bambini e ragazzi che imparano a conoscere il problema e la sintomatologia di modo che la situazione non finisca trascurata.

Nel caso dei bambini però occorre coinvolgere anche i genitori, come fa un genitore a capire se il figlio soffre di asma?

Come riconoscere l’asma nei bambini

Iniziamo col dire che l’asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree, non è contagiosa. Può esser causata da una reazione allergica o ad agenti chimici o può essere perfino dovuta ad una puntura d’insetto. Si eredita? In alcuni casi può influire una predisposizione familiare.

Ecco i segnali per capire se si è in presenza di asma:

  • respiro difficoltoso

  • respiro sibilante

  • tosse

  • sensazione di mancanza d’aria

  • aumento della frequenza respiratoria (durante la crisi)

Durante gli attacchi il soggetto non riesce a respirare bene, ansima, cerca di fare respiri profondi ma non riesce a prendere aria, respiri frequCome riconoscere l’asma nei bambinienti e brevi, difficoltà nel parlare.
Nei casi in cui il soggetto sia predisposto occorre fare attenzione: niente fumo in casa, stare attenti alle polveri, i peli di animale ed ai pollini. L’igiene domestica è molto importante sia per prevenire l’asma che durante il trattamento. Sono da evitare: tende, tappetti, peluche e tutto ciò che può attirare la polvere o intrappolare polline.

In caso di asma si ricorda che il bambino deve assumere il farmaco prima dell’attività sportiva che deve essere moderata.

Se siamo di fronte ad una crisi che si manifesta improvvisamente senza che ci fossimo accorti del problema?

Bisogna tranquillizzare il bambini, in posizione eretta cercare di fargli fare dei respiri profondi naso bocca vicino ad una finestra aperta, se non si calma o si tratta di un neonato chiamare subito il pronto soccorso.

Se non si tratta della prima crisi ma è particolarmente brutta contattare subito il medico.

 
Previous articleAvvelenamento da piombo: gli effetti sui bambini
Next articleSpina bifida neonatale: è operabile in utero
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.