Tutto parte da due linee. Colorate. Intense. Le mestruazioni tardano ad arrivare. L’ansia cresce. Diventiamo paranoiche fino a non riuscire ad aspettare un giorno in più per fare il fatidico “test” di gravidanza.

Sembra un po una partita: che non lo aspettavamo così presto, o se lo cercavamo da mesi o anni, quando escono le due linee ed un fatidico “si”, la vita di una donna cambia.

Dalla felicità, alla paralisi, alla completa paura. Eppure..passato il primo trimestre di gravidanza, ecco che tutte, ma dico proprio tutte, adoriamo fare una sola cosa: Shopping da mamme e in questo rientra senz’altro il sacco invernale.

Il primo Shopping da bimbo: cosa comprare

Quando entriamo in una di quelle famigerate catene, o super mega store per bimbi, con reparti e scaffali ripieni di quegli oggetti magnifici, che fanno dire alle mamme in attesa “oooh si perfetto per me!”..dobbiamo prima porci delle vere domande.

La prima sicuramente è: trio o non trio? Passeggino leggero o non leggero? Culla o Co-Sleeping?

Un oggetto che però, consiglio a tutte le nuove madri, è di sicuro un accessorio indispensabile, perfetto per i climi autunnali o invernali e che io, personalmente, ho usato moltissimo: sacca passeggino.

Il sacco invernale: com’è fatto

Il sacco caldo per passeggino è un accessorio che poche mamme usano, ma che in realtà, se provassero anche solo una volta, si renderebbero conto di quanto utile possa diventare. I bambini, specie se neonati o di poco meno un anno, quando escono, odiano tenere piumini, giubbini o strati di vestiti o addirittura peggio le tute da neve, per fare passeggiate all’aria aperta nell’ovetto, navicella o passeggino.

sacco passeggino 1 - Sacco invernale passeggino: come usarlo al meglio
Sacco Passeggino 1

Vestirli diventa complesso: i piumini o gli strati di maglioni o le tute da neve ingombrano i movimenti dei piccoli e non rendono agevole la passeggiata e, cosa da non poco conto, fanno sudare tantissimo.

I sacchi invernali ovviano a tutti questi problemi: sono di materiale termico, traspirante e termoregolatore. Sono anallergici e per le sue componenti evitano al bambino di sudare. Sceglieteli di materiale antivento e idrorepellenti per quando c’è brutto tempo.

Sacchi invernali: libertà di gioco e movimento

Una delle caratteristiche per cui ho usato moltissimo e di molte marche i sacchi invernali, è stata la perfetta vestibilità e il fatto che potessi usarlo ovunque: dall’ovetto alla navicella o al passeggino, lasciando i piccoli coperti, al caldo e pieni di poter usare piedi e manine senza essere ingolfati o impacciati.

Essendo larghi in fondo, permettono ai piedini di muoversi senza costrizioni (pensiamo a quando caparbiamente vogliamo infilare degli stivaletti o le scarpe tanto belline a piedini di due mesi perchè fa freddo!) e la parte superiore, ha una coulisse nella maggior parte dei modelli, in questo modo le mani possono uscire e muoversi liberamente.

Hanno nel retro dei fori per il passaggio delle cinture così il piccolo è in sicurezza ed al caldo, senza però sudare.

In conclusione

Se state per avere un bambino, non dimenticate nei primi Shopping da bebe, di acquistare almeno uno o due sacchi invernali. Sono universali per alcuni modelli e altri, possono essere acquistati dalla casa madre del vostro trio o passeggino.

Non ve ne pentirete!

 
Previous article15 Ottobre: Giornata Internazionale del Lutto Perinatale
Next articleDispositivo Antiabbandono: finalmente realtà
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.