Sin dall’infanzia è importante porre attenzione sui bambini e cibo, ovvero permettere loro di instaurare un rapporto sereno con il cibo per prevenire l’insorgenza di patologie alimentari rapportabili ad anoressia e bulimia.

Capita, non di dirado, che i bambini abbiano un rapporto conflittuale con il cibo. Ad esempio mangiano troppo o troppo poco, mangiano solo determinati cibi o solo dolciumi e non mangiano affatto né frutta né verdura.

Questo accade quando?  Alle volte mangiano perché devono, è l’ora del pranzo, o per festeggiare, c’è il compleanno dell amichetto, ma a volte mangiano per noia o perché sono tristi, la cosiddetta “fame emotiva”, proprio come gli adulti.

bambini e cibo
bambini e cibo

E’ opportuno sapere che i bambini riproducono per “emulazione” ciò che vedono o che gli viene insegnato dai genitori. A volte questi ultimi non fanno caso al loro comportamento a tavola, ad esempio il piatto stracolmo di cibo oppure se i genitori mangiano a tutte le ore, anche i bambini lo faranno (questo accade non solo con il cibo, ma anche con la tv o i videogiochi).

I bambini sono vulnerabili, se il genitore pretende a tutti i costi che i figli stiano a tavola all’ora di pranzo e finisce ad ogni pasto per arrabbiarsi, potrebbe “inconsapevolmente“ far sorgere antipatia verso il momento del pasto.

Altro fattore da non sottovalutare, sono i genitori molto permissivi che non impostano regole riguardo il pranzo ( le regole devono essere comunque fattibili e comunque chiare)

Il Cibo  deve essere visto come Mediatore della relazione tra il bambino e il mondo esterno, che nel caso di bambini in età prescolare si traduce con la famiglia; la visuale si allarga quando il bambino va a scuola, con gli amici durante la mensa ( che deve essere vista da genitore come un momento sociale e non un modo per far “sostare” più ore a scuola il bambino).

La qualità del rapporto cibo-emotività interiorizzato dal bambino dipenderà anche dall’abilità della madre di interpretare adeguatamente i bisogni che il bambino esprime, sia attraverso il pianto sia attraverso i comportamenti.

Bambini e cibo: accorgimenti pratici

Vi lascio alcuni accorgimenti semplici da mettere in pratica:

  • Creare un clima piacevole a tavola;
  • non usare il cibo per ricattare( :-se mangi ti compro un gioco!!)
  • non costringere i bambini a mangiare o a finire tutto quello che hanno nel piatto chiedendo piuttosto di regolarsi in base ai segnali di fame e sazietà( fai capire loro che si mangia perché si ha fame, si smette perché si è sazi);
  • giocare con i colori e l’aspetto del cibo per invogliare a sperimentare( arancione/arancia – giallo/limone – branco/latte …);
  • proporre un cibo almeno 10 volte prima di smettere;
  • non etichettare i bambini con nomignoli “mangione”, “scheletro” per evitare la profezia che si auto-avvera o addirittura che si verifichi il contrario;
  • Dare sempre e comunque il buon esempio ( i bambini emulano sempre gli adulti in tutto e per tutto).

Redazione del testo

Ringrazio per questo articolo Maria Pia Mascolo, health e fitness blogger, ma non solo biologa della nutrizione con la passione dello sport ( istruttrice fitness, iscritta all’ ASD-SNG di atletica leggera) e la psicologia.

Nel 2017 ha creato stayhealthandfit.com dove potete seguirla nelle sue pubblicazioni, e trovare anche i suoi e-book di scienze, fitness, ricette light e storie di chi ha cambiato la propria vita; inoltre nel 2018 ha sviluppato il  PROGRAMMA OMNIA, in cui il soggetto è unico dal punto di vista fisico, alimentare e sociale.

 
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

5 COMMENTS

  1. Per noi mamma il discorso alimentazione è sempre molto delicato e questi accorgimenti che suggerisce li approvo in pieno!

  2. Condivido il fatto che occorre impartire ai bambini una buona educazione alimentare…. Noi dobbiamo dare sempre l’esempio. Sono spugne e assorbono tutto

  3. Spesso si tende a sottovalutare il rapporto dei bambini con il cibo e quando i piccoli si rifiutano di mangiare lo si prende come un capriccio senza andare a scovare le reali motivazioni

  4. Ottimi consigli cara….mia figlia da piccola odiava la verdura per fortuna Adesso che è più grandicella la mangia

  5. Con Irene non ho mai avuto problemi per l’alimentazione , invece con Giada – piu piccola – il problema è sempre quello: ama mangiare le stesse cose (minestra di verdura, pomodorini, cotoletta e tutta la frutta! Hai qualche suggerimento al riguardo?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.