Gioco autonomo: cos’è e come insegnarlo ai bambini

0
2
Gioco autonomo

Gioco autonomo: cos'è e come insegnarlo ai bambiniGioco autonomo: cos’è? Si tratta del gioco indipendente, ovvero il bambino acquisisce il proprio spazio e si intrattiene a prescindere che ci sia qualcuno che giochi con lui.

Non significa non voler dedicare tempo al bambino o non voler giocare con lui ma aiutarlo a sviluppare creatività ed indipendenza. Significa quindi che se anche il genitore non può partecipare al gioco, il bambino di distrae comunque.

Gioco autonomo: come incoraggiare i bambini

Come si fa ad incoraggiare un bambino a giocare per conto suo?

  1. Uno spazio sicuro, delineiamo uno spazio in cui il bambino si dedichi ai suoi giochi in sicurezza, la sua camera ad esempio

  2. pochi giochi, scegliere un quantitativo limitato di giochi che però siano educativi e adatti all’età del bambino

  3. evitare i cesti affollati di giochi da spargere per terra

  4. usare scaffali stabili a portata di mano (fissarli al muro) in cui lui possa prendere e riporre i giochi

  5. il bambino deve essere libero di scegliere il gioco che preferisce, il genitore non impone né si sostituisce a lui

  6. permettetegli di usare la fantasia, anche cose semplici come una scatola di cartone possono trasformarsi in un gioco

  7. non interrompere il gioco del bambino e non intromettersi

  8. parlare con il bambino dei giochi e dei lavoretti fatti a scuola per stimolare la sua creatività

  9. restare vicini al bambino senza però intervenire nel gioco o distrarre il bambino dalle sue idee

  10. lasciare che il bambino sperimenti ed apprenda da solo

Infine il bambino può anche non aver voglia di fare niente, può non aver voglia di giocare o intrattenersi e non dobbiamo a tutti i costi “tenerlo occupato”. Anche la noia può essere costruttiva, quindi non stressate i bambini con mille impegni ed attività.

Evitate categoricamente di metterli davanti a tablet/pc/cellulari/tv perché “altrimenti si annoiano”. Piuttosto incoraggiate il gioco autonomo.

 
Previous articleStress da rientro a scuola: i trucchi ed i segreti per affrontarlo
Next articleEducazione alimentare, l’esempio in famiglia
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here