Linguaggio bambini: il pisolino li aiuta

0
16
Linguaggio bambini: il pisolino li aiuta

Linguaggio bambini: il pisolino li aiutaLinguaggio bambini: a quanto pare si è scoperto che dormire li aiuta, in particolare parliamo del pisolino pomeridiano. Sembra che con un livello adeguato di sonno, i bambini, riescono ad associare le parole al loro significato più in fretta già dai sei mesi.

Linguaggio bambini: lo studio

Il Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences di Lipsia, ha pubblicato su Current Biology la propria scoperta.

Lo studio è stato condotto su un campione di bambini dai sei agli otto mesi, sono stati sottoposti alla loro attenzione oggetti a cui sono stati attribuiti nomi di fantasia come “Bofel” o “Zuser” e sono stati dati gli stessi nomi ad altri oggetti differenti.

Inizialmente i bambini non riuscivano a costruire una relazione generale per ogni nuova coppia oggetti-parole che risultava sconosciuta e unica. Ma dopo il pisolino si è riscotrato un livello di apprendimento più alto, riuscivano a distinguere tra il termine giusto e quello sbagliato per un nuovo oggetto. Il gruppo che non aveva fatto il riposo pomeridiano non riusciva a svolgere il compito.

Il tempo giusto per il riposino è di 50 minuti. Inoltre è stato condotto uno studio su questo sonno e si è riscontrato che un sonno leggero, a differenza di uno pesante, migliora molto lo sviluppo della memoria lessicale.

Linguaggio bambini: consigli

I genitori dovrebbero permettere un breve riposino pomeridiano che non superi i 50 minuti. In molti casi si sceglie di non far dormire i bambini dopo pranzo in modo che arrivino stanchi al momento di andare a letto.

Non è tuttavia sempre una scelta giusta, non solo perché come abbiamo visto questo riposino aiuta a migliorare il linguaggio dei bambini ma perché sovente se il bambino arriva alla sera molto stanco può faticare ad addormentarsi.

Dunque il sonno aiuta a fissare i concetti nel cervello e questo vale sia per i bambini che per gli adolescenti.

 
Previous articleLatte vaccino: nuove direttive
Next articleDiabete bambini: dormire poco aumenta il rischio
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.