Bambini di 3 anni, deficit di ferro già identificabile

0
33
Bambini di 3 anni, deficit di ferro già identificabile

 neonato con anemia 300x200 - Bambini di 3 anni, deficit di ferro già identificabileBambini di 3 anni: il deficit di ferro è già identificabile. Purtroppo anche ad una così piccola età i bambini sono esposti all’anemia.

La sideropenia latente, o deficit di ferro, è purtroppo un problema riscontrabile già a partire dalla prima infanzia e non va sottovalutato.

Quali sono i rischi? Può compromettere a lungo andare la sintesi dell’emoglobina, può comportare ritardo nello sviluppo psicomotorio, minor efficienza del sistema immunitario e si può poi arrivare all’anemia.

Bambini di 3 anni e deficit di ferro: il parere medico

Gian Vincenzo Zuccotti, Ordinario di pediatria all’Università di Milano e direttore del Dipartimento Pediatrico Ospedale dei Bambini V. Buzzi afferma che è molto importante individuare prontamente un’eventuale carenza di ferro in bambini così piccoli, basta un emocromo e una ferritinemia prescritta dal pediatria.

Ovviamente la prevenzione è importante: nei primi 36 mesi di vita, lo hanno sottolineato anche le Linee di Indirizzo pubblicate dal Ministero dello Salute, è importante ricordare che il bambino non è un piccolo adulto, quindi niente diete restrittive o oppure troppo ricche di proteine.

La questione latte vaccino: è da evitare. E’ troppo proteico, troppo grasso e povero di ferro, anzi il ferro presente è molto meno biodisponibile, ossia viene assimilato molto meno rispetto a quello presente nel latte materno o nei latti in formula (per bimbi sotto i 12 mesi) e di crescita (destinati a bimbi da 12 a 36 mesi).

intolleranza latte calcio 300x300 - Bambini di 3 anni, deficit di ferro già identificabile

No al latte di riso, ricco di zuccheri ma povero di ferro. Occorre trovare il giusto equilibrio.

Bambini di 3 anni, deficit di ferro già identificabile: sintomi

I primi sintomi da tenere d’occhio sono pallore, stanchezza ed irritabilità, in questo caso occorre chiedere il parere del pediatra per verificare che appunto non si tratti di deficit di ferro.

Come abbiamo visto basta una semplice analisi ed in prevenzione un po’ di riguardo verso la dieta del bambino.

Si consiglia inoltre alle neomamme di allattare al seno riducendo così il rischio di carenza di ferro nel bambino.

 
Previous articleDistress respiratorio nei neonati: le cause
Next articleAllattamento: solo il 40% dei neonati viene allattato al seno
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.