Home Salute e Benessere Alimentazione Come fare gli omogeneizzati in casa breve guida

Come fare gli omogeneizzati in casa breve guida

Come fare gli omogeneizzati in casa

 Come fare gli omogeneizzati in casa: piccola e rapida guida per realizzare le pappate dei bambini home made.

Ecco i vantaggi di preparare gli omogeneizzati in casa:

  • risparmio economico

  • si possono usare ingredienti freschi e di stagione

  • contengono più fibre e vitamine

  • non contengono conservanti, sale e zuccheri aggiunti

Come fare gli omogeneizzati in casa: occorrente

  • carne o pesce

  • frutta o verdura

  • pentola per cuocere a vapore

  • acqua

  • frullatore

  • vasetti di vetro sterilizzati

Come fare gli omogeneizzati in casa: la carne e il pesce

art 3 immagine 2 300x133 - Come fare gli omogeneizzati in casa breve guidaScegliere che tipo di carne o pesce sono più adatti alla salute del bambino (consultare il pediatra). Cuocere gli ingredienti a vapore (togliere attentamente le spine dal pesce), eliminando il grasso. Quando è ben cotto frullare con l’aggiunta di poca acqua (o brodo vegetale sempre home made). Riempire i vasetti di vetro (sterilizzati) e conservare in frigo (si possono ance congelare).

 

Come fare gli omogeneizzati in casa: la frutta e la verdura

Ovviamente sceglietela bio. Cuocete a vapore la verdura. La frulla può esser cotta per meno tempo e con l’aggiunta di poco limone o yogurt o latte vegetale (non vaccino che non fa per niente bene né ai bambini né agli adulti).

Ricordate che gli omogeneizzati fatti in casa vanno consumati entro 24 ore se no devono esser congelati, in questo caso entro 6 mesi (non scordate di mettere le etichette ai vasetti).

Domanda lecita: perché cuocere a vapore e non bollire? Per non perdere i nutrienti del cibo.

Tutta la frutta e la verdura è consentita? Per la frutta mela, pera e banana sono sicuri, meglio evitare agrumi e fragole, attenzione alla frutta molto zuccherina (in ogni caso non aggiungere zucchero agli omogeneizzati di frutta). Evitiamo i pomodori e i cavolfiori (più per l’odore che per altro), bene carote, fagiolini, broccoli, sedano, patate e zucchine.

In un prossimo articolo vi daremo qualche ricetta per realizzare i vostri omogeneizzati fatti in casa e aiutarvi nella fase dello svezzamento del vostro bambino!

E se volete qualche idee di ricette le trovate QUI

 
Previous articleHockey su Prato: I Segreti di Marco Grossi
Next articleCreatività e Innovazione: gli ingredienti dei pomeriggi dei bambini di Roma secondo Clarice Mannucci
Mi chiamo Silvia sono Mamma, Blogger e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello stato di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione. Diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito l’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia oltre alla Naturopatia Infantile. Scrittrice e Copywriter.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.